DEVITALAW Rassegna Stampa

Walter Biot condannato a 20 anni per spionaggio da Corte Assise. La difesa: “Determinato a combattere battaglia di civiltà giuridica”

Leggi l’articolo originale su la Repubblica
di Alessio Campana

Il capitano di fregata era già stato condannato dal tribunale militare a una pena di 30 anni di carcere. In quel caso, la pubblica accusa, aveva sollecitato la pena dell’ergastolo. L’avvocato della difesa: “Lotta affinché nessuno possa essere giudicato a prove segrete”

I giudici della Corte d’Assise di Roma hanno condannato a 20 anni di carcere Walter Biot, il capitano di fregata arrestato il 30 marzo 2021 con l’accusa di spionaggio per aver passato documenti segreti a un funzionario russo in cambio di 5 mila euro. L’arresto era avvenuto in un parcheggio di un centro commerciale della Capitale mentre era intento a cedere notizie coperte da segreto a funzionari dell’ambasciata russa.

Lo scorso 15 gennaio il pm Gianfederica Dito aveva sollecitato per il militare, difeso dall’avvocato Roberto De Vita, la pena di 18 anni di reclusione.

Nel processo – che si è celebrato a porte chiuse -, la pubblica accusa, contesta a Biot le accuse di spionaggio, rivelazione di notizie che per la sicurezza nazionale dovevano rimanere segrete e corruzione.

Parti civili, in questo procedimento, tra gli altri, Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministero della Difesa che ora dovranno essere risarciti.

In primo grado, il 9 marzo scorso, il tribunale militare della Capitale ha condannato Biot a 30 anni di reclusione. In quel caso, la pubblica accusa, aveva sollecitato la pena dell’ergastolo.

“Walter Biot è determinato. È una battaglia per lui, ma anche di civiltà giuridica affinché nessuno possa essere giudicato a prove segrete”, ha detto l’avvocato difensore De Vita.

“Siamo passati da 30 anni a 20 anni: questo significa che, più si approfondisce e si ragiona, su come questo processo ha fatto spostare la bilancia della giustizia verso la ragion di Stato più che verso lo stato di diritto le pene si riducono e siamo in primo grado – aggiunge -. Proseguendo così e conoscendo quel che viene in Appello e in Cassazione siamo certi che prima poi ci sarà un giudice che riconoscendo i diritti dovrà riconsegnare Walter Biot alla sua famiglia”.

Il capitano di fregata, detenuto nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, è sotto processo anche davanti ai giudici militari d’Appello.

L’accusa è di rivelazione di segreti militari a scopo di spionaggio, procacciamento di notizie segrete a scopo di spionaggio, esecuzione di fotografie a scopo di spionaggio, procacciamento e rivelazione di notizie di carattere riservato e comunicazioni all’estero di notizie non segrete né riservate, e sostiene che “le complessive risultanze processuali acquisite non lascino residuare dubbi in merito alla natura di segreto militare delle notizie che ne sono oggetto e, dunque, alla loro inerenza alla preparazione, forza difesa dello Stato”.

Condividi

Leave a Reply

Your email address will not be published.